Cosa è VAN-eggio

Questo spazio ha lo scopo di raccogliere le esperienze dei viaggi che vivo e di riportarne gli aspetti fotografici ed enogastronomici, che ritengo essere la migliore testimonianza storico-culturale di un posto (una passione nella passione quella del buon cibo); sottolineo inoltre che questo sito non vuole essere un blog di cucina nel camper, la quale idea non sarebbe poi così malvagia ma richiederebbe però troppo impegno, neanche vuole proporsi come una guida turistica (non ne sarei capace) ma sicuramente una raccolta di informazioni, spero utili, per coloro che vorranno visitare le zone descritte in questi articoli o assaggiare le eccellenze del territorio e le ricette tipiche scoperte strada facendo.
Non ho viaggiato verso mete lontanissime per rappresentare qui luoghi esotici o di culture lontane
; ho però viaggiato spesso, attraverso piccoli itinerari, per rappresentare qui meglio quello che ci circonda. Ho viaggiato con moto (con le quali credo di aver totalizzato oltre 1 milione di km), auto, aerei ecc. Visitare luoghi remoti è affascinante ed educativo ma anche conoscere il proprio tessuto culturale ed il contesto che ci circonda lo è; forse anche di più.

Ho trovato nel viaggiare in camper la soluzione migliore per esprimere il mio essere itinerante, per soddisfare la curiosità di scoprire e anche di incontrare altri viaggiatori, gli incontri e gli scambi spesso sono la vera ricchezza del viaggio non tanto i km percorsi. Si può essere grandissimi viaggiatori anche a pochi km da casa, purché al ritorno si porti qualcosa in più e si dia altrettanto al posto o alle persone incontrate lungo il tragitto.

Cercando un nome per questo spazio web, che identificasse i contenuti con il suo stesso titolo, ho iniziato a cercare intorno alla parola “VAN”, lessi questo dalla Treccani:

VANeggiare v. intr. [der. dell’agg. vano] (io vanéggio, ecc.; aus. avere). – 1.a.Vagare con la mente in pensieri che non hanno contatto con la realtà (questo mi suona molto familiare); pensare e dire cose sconnesse, farneticare, per febbre o per uno stato anormale della mentev. nel delirio, nell’allucinazionevaneggiava, fuori di sé dal doloreandavo vaneggiando che quella corsa non dovesse finire mai più (C. Levi); tu vaneggi!, a chi crede o dice cose fantastiche, assurde

…e fu amore eterno perVAN-eggio

 

 

Perchè un VAN –>