“La Botte Piena” …di Vin Santo – Montefollonico

Chi di noi non ha mai sognato, guidando tra le provinciali della Toscana, di trasferirsi in una di quelle villette immerse nelle verdi colline, fantasticando di poter vivere di apicoltura, di vino, di olio o mettendo su un agriturismo o fantasie del genere?
Ogni volta che mi ritrovo i neuroni esausti a causa dell’invivibilità della capitale, utilizzo solitamente questa fantastica regione come asso nella manica per ricaricare la vista e lo spirito di energia.
Organizzo così un ulteriore fuga nella provincia di Siena, cercando di trovare un paesino che ancora non sia stato vittima delle scorribande di VAN-eggio.
Leggi tutto ““La Botte Piena” …di Vin Santo – Montefollonico”

In Calabria tra cucina e tradizioni – NonSolo’Nduja

Da quei pochi studi filosofici liceali ho sempre apprezzato il concetto base che un giorno merita di essere vissuto se si è almeno appreso qualcosa di nuovo,  inoltre mi accompagnano in questo periodo le parole di  Leo Buscaglia: “Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo, noi stessi diventiamo qualcosa di nuovo”  a questo punto non posso che aggiungere che il “ricredersi” vale come doppia scoperta ed il mio ricredersi prende corpo da uno dei miei ultimi “viaggetti” per terre meridionali, là dove finisce l’italico stivale per capirci ed ha come riferimento alcune produzioni del mondo enogastronomico, sulle quali ho sempre avuto non delle riserve ma un giudizio non propriamente privo di preclusione, con mio enorme dispiacere aggiungerei; ovviamente non parlo della cucina del territorio, sulla quale nessuna critica può essere avanzata, anzi…

Leggi tutto “In Calabria tra cucina e tradizioni – NonSolo’Nduja”

La città di pietra – Zungri

Siamo in Calabria, nella provincia di Vibo Valentia, vicino Tropea; la Calabria è una regione ricchissima di storia, arte ed una bellezza naturale unica.
Sebbene lontana purtroppo da più noti percorsi turistici anche a causa della sua posizione, la Calabria offre dei siti di interesse storico molto affascinanti.
Trovandomi nelle vicinanze con il mio fidato VAN-eggio, ho fatto rotta verso Zungri (in greco “roccia”), l’ultimo comune italiano in ordine alfabetico, a 500 m circa slm, un piccolissimo centro abitato di quasi 2000 abitanti e con un antico insediamento rupestre risalente al X e XII sec. (anche se a me è sembrato di qualche millennio più antico) costituito all’incirca da 100 abitazioni scavate nella roccia di natura arenaria; ricorda molto i sassi di Matera, sono
Le grotte di Zungri degli Sbariati. Leggi tutto “La città di pietra – Zungri”

Miranda do Douro – #Portogallo

Miranda do Douro - #Portogallo

Uscito come un cavernicolo da dentro le grotte di “Le Mas d’Azil” in Francia, passando nei territori dello stato di Andorra, affronto un’unica lunga traversata verso la Valle del Douro: il fiume diVino, la dimora di Bacco, patrimonio dell’Unesco e “Regione Vinicola più Antica del Mondo”, che altro mai potrei aggiungere se non i versi del poeta portoghese Miguel Torga: l’unica incommensurabile prova che ci consente di stupire il mondo“. 

(altro…)

Valle del Douro – un fiume diVino

Valle del Douro - un fiume diVino

Sono partito da Roma con il mio “Gran Ducato di VAN-eggio” verso la metà di Settembre e attraversato con piacere la Provenza e la Spagna, con la fretta quasi di arrivare in Portogallo, che era poi la destinazione finale e l’oggetto di questo itinerario di 21 giorni; l’idea era quella di approcciare il Portogallo partendo dal nord e proseguendo verso il Sud nell’Algarve, con la speranza che dopo 3 settimane sarei arrivato a sud ad Ottobre con temperature più accettabili (strategia che poi è risultata del tutto inutile), sarei comunque partito dal nord se non altro per la curiosità e la fretta di voler visitare la valle del Douro e guidare il mio van scorrazzando lungo le aziende vinicole.
Prima di partire, già mesi prima, avevo letto moltissimo su questa fertile valle e la sensazione che avevo maturato prima e durante la partenza era quasi che il viaggio sarebbe iniziato quando mi sarei trovato in quella fantastica valle, perché rappresenta il “trait d’union” delle mie passioni, viaggiare ed enogastronomia (più “eno” che gastronomia in questo caso).

(altro…)