La Vendemmia Eroica dell’Asprinio di Aversa

Ogni volta che attraverso in camper la Campania per andare o ritornare dalle bellissime terre di confine si iniziano a pianificare ed elencare i numerosi siti di interesse enogastronomico da visitare in questa fertile regione, sostanzialmente il discorso cade sempre su viticultura e prodotti caseari. Per ottimizzare il lungo e noioso tempo della traversata sull’autostrada SA-RC ho anche tentano una prenotazione al volo per andare a far visita in un vitigno molto particolare, ma con poco successo purtroppo visto il poco preavviso. Parliamo dei famosi vitigni dei Borboni, l'”Asprinio di Aversa“, caratterizzato dai suoi 15 metri d’altezza, la cui raccolta è giustamente nota come “Vendemmia Eroica”.

(altro…)

La Mozzarella di Bufala e le sue rivisitazioni

Attraversare la Campania improvvisando soste gastronomiche (riprendendo il tragitto percorso nel precedente articolo) ha fruttato un ottimo e piacevole percorso gustativo, basato su sua maestà la mozzarella di bufala.

Non sono un membro dell’ONAF o frequentatore di corsi in tema caseario (per adesso, stay tuned) ma sono da anni un “appassionato estimatore”? Forse più un “assatanato mangiatore” direi di latticini in tutte le sue infinite lavorazioni, i miei preferiti sono quelli con lunghe stagionature comunque.
Sulla mozzarella di bufala si sono scritti infiniti tomi (no la toma) e per questo sono più facilmente attratto dalle reinterpretazioni di questa materia prima eccezionale, che per sua natura va servita così com’è per come viene prodotta (punto). Proprio per questa inviolabile sacralità del rispetto della materia prima mi affascina vedere come la creatività e l’estro di grandi chef della cucina riescono a manipolarla e a volte stravolgere questo prodotto intoccabile.

(altro…)

Il Bergamotto in Calabria

Vagabondando per la Magna Grecia Calabra in cerca di produzioni tipiche nel reggino, ho dovuto necessariamente imbattermi, con piacere, nella coltivazione e lavorazione del bergamotto, destinazione d’obbligo e di eccellenza; termine abusato ultimamente nell’ambito enogastronomico ma qui siamo in un contesto di produzione ed il termine “eccellente” nel caso del bergamotto calabrese non è per niente un abuso, anzi, voglio partire con una critica dicendo che qualunque paese nel mondo possedesse il 95% della produzione mondiale in esclusiva, qualsivoglia sia la materia prima, avrebbe già creato una enorme ricchezza ed una protezione verso questo indotto che neanche  il confronto con il petrolio, la ricetta della CocaCola o il consorzio del Parmigiano potrebbe reggere (parmigiano tra l’altro che ci copiano miseramente a partire dall’America con mille prodotti come il parmesan, mentre al nostro originale applicato anche i dazi!), inoltre il bergamotto non può essere copiato, replicato, falsificato ecc. nasce esclusivamente in questo territorio (punto).

(altro…)

La Magna Grecia tra gusto e paesaggi 2/2

Riprendo il viaggio in questo splendido territorio della Magna Grecia, tra storia, sapori, paesaggi, chef emergenti, tradizioni e nuovi produttori partendo da “Le Castella” (KR), nota meta turistica estiva, per il suo splendido mare e per lo scenografico castello aragonese che troneggia su un piccolo promontorio roccioso, rendendo il castello come sospeso in mare.
Per ritornare sulle tracce storiche di questi luoghi lanciate nell’
articolo precedente, sembra che l’isola di Calypso descritta da Omero sia da collocarsi da queste parti.

(altro…)

Tra Scilla e Cariddi “Pochi sono gli uomini che possono dare del tu al Mare… Quei pochi non glielo danno”

Scilla, scelta come prima delle tappe dell’itinerario verso la punta dello stivale, in questo mio VAN-eggiare nel reggino tirrenico-ionico, ha come mi aspettavo riempito di fascino la visita.
Il primo degli interessi nasce dalla mitologia ovviamente, Scilla (colei che dilania) sulla costa calabrese insieme a Cariddi (colei che risucchia) sulla costa sicula, terrorizzavano i naviganti di un tempo che volevano attraversare lo stretto; la stessa ciurma di Odisseo fu costretta a passare per le sei fauci del mostruoso Scilla, una volta ninfa.

(altro…)